TRENI SOPPRESSI, IL REPORT DETTAGLIATO SOLO AI DIPENDENTI MA NON AI VIAGGIATORI. EMERGENZA NEVE DOPO UNA SPOLVERATA: ENNESIMA VERGOGNA

Il report dettagliato dei tagli alle linee ferroviarie per oggi 1 marzo è disponibile per i dipendenti dell’azienda (foto in allegato) mentre ai pendolari vengono comunicate solo le linee “sopravvissute” in uno stringato comunicato sul sito. In questo modo l’azienda gioca con la comunicazione per non ammettere il disastro, lasciando così decine di migliaia di viaggiatori nell’incertezza di poter arrivare al lavoro o tornare a casa. Si cita una cosiddetta “emergenza neve” quando in realtà si tratta nel peggiore dei casi di una spolverata sui binari.

Anni e anni di trascuratezza delle ferrovie vengono a galla proprio nella settimana prima delle elezioni, un tracollo troppo imbarazzante per poterlo palesare a pochi giorni dalle elezioni. Le responsabilità di questa situazione sono degli ultimi Governi, nazionali e regionali, a guida centrodestra e centrosinistra. Troppo impegnati a realizzare grandi opere e grandi profitti per alcuni per preoccuparsi delle infrastrutture che davvero servono al paese ed agli italiani come le linee locali ed a media percorrenza.

Nel contempo NTV, azienda proprietaria di Italo, annuncia cause milionarie alle Ferrovie dello Stato (quindi allo Stato italiano) per le decine di corse soppresse. Questo proprio poco dopo l’acquisto della società da parte di un gruppo straniero. Dovevamo aspettare investitori esteri per denunciare lo stato devastante delle nostre ferrovie? Sono i cittadini italiani ad essere cornuti e mazziati dopo aver pagato con i propri soldi le infrastrutture. Soldi che finiranno in mano ai privati stranieri.

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Trasporti

L’articolo TRENI SOPPRESSI, IL REPORT DETTAGLIATO SOLO AI DIPENDENTI MA NON AI VIAGGIATORI. EMERGENZA NEVE DOPO UNA SPOLVERATA: ENNESIMA VERGOGNA proviene da MoVimento 5 Stelle Piemonte.

DEPOSITATO ESPOSTO ALLA CORTE DEI CONTI PER FARE CHIAREZZA SU RESPONSABILITA’ DEBITO AGESS. INAMMISSIBILE CHE FONDI MANUTENZIONE DEL TERRITORIO APPIANINO DEBITI DI MALA POLITICA


E’ il momento di fare chiarezza sulle gravi responsabilità del fallimento di AGESS Spa e del pesantissimo debito che grava sull’intero territorio Pinerolese, anche sui Comuni che all’epoca dei fatti non erano coinvolti nel consorzio territoriale della Val Pellice.
Con questo obiettivo e a seguito di un lungo lavoro di approfondimento, di interrogazioni in aula di consiglio comunale, unione montana pinerolese e regionale e di richiesta di atti, il 22 febbraio, il M5S ha depositato un un esposto alla Procura regionale della Corte dei Conti affinché esamini tutta la vicenda Agess alla luce del danno subito dai cittadini e per rivalersi civilmente sui responsabili.

Se ad oggi infatti la magistratura ha chiarito parte delle responsabilità amministrative e penali degli amministratori coinvolti, il prezzo politico di questa vicenda non lo sta pagando nessuno. Chi ha creato un buco di più di 2,3 milioni di euro e lo ha “diluito” coinvolgendo le amministrazioni di altri Comuni che nulla c’entravano con la vicenda, non dovrebbe amministrare più.
Sebbene il Presidente dell’Unione Duillio Canale abbia in più occasioni affermato che l’Unione Montana Pinerolese non intende farsi carico delle responsabilità del DEBITO AGESS, questo si sta silenziosamente trasferendo sulle Unioni Montana Pinerolese, Pedemontana Pinerolese, Montana delle Valli Chisone e Germanasca e Montana dei Comuni Olimpici – Via Lattea.
E’ ciò che è emerso dalla lettera inviata all’ATO3 dalle Unioni, richiesta che concretizza la proposta portata dall’assessore regionale Aldo Reschigna negli incontri realizzati con i Comuni coinvolti.
Nella lettera si chiede di ripartire le rendicontazioni degli interventi di manutenzione del territorio (P.M.O.) che non sono stati realizzati dalla Comunità Montana Pinerolese negli anni 2003-2014.
Inammissibile anche solo ipotizzare la riduzione dei fondi che a partire dal 2019 copriranno la manutenzione del territorio, ancor più se consideriamo le necessità dei comuni montani, e che ad ottobre 2017 non risultavano ancora spesi ben 8.668.293,55 € dei soldi dati dall’ATO3 alla Comunità Montana Pinerolese.
E’ chiaro che si vogliono far pagare i cittadini, nel silenzio assordante della politica. Nessuno si era ancora rivalso civilmente sui responsabili: il Movimento 5 Stelle ha finalmente aperto questa strada.

Rosanna Vecchietti, Consigliere M5S a Torre Pellice, Consigliere in Unione Montana Pinerolese

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

L’articolo DEPOSITATO ESPOSTO ALLA CORTE DEI CONTI PER FARE CHIAREZZA SU RESPONSABILITA’ DEBITO AGESS. INAMMISSIBILE CHE FONDI MANUTENZIONE DEL TERRITORIO APPIANINO DEBITI DI MALA POLITICA proviene da MoVimento 5 Stelle Piemonte.

ASTI – ALBA, RIATTIVARE SUBITO LA FERROVIA, TEMPI CERTI E UN PROGETTO PRECISO. NO A PROMESSE DA CAMPAGNA ELETTORALE

Dal convengo avvenuto ieri a Castagnole delle Lanze sulla linea Asti – Alba è emersa la forte richiesta del territorio di riattivare al più presto questa linea. Un’istanza ribadita più volte con coerenza dal Movimento 5 Stelle sul territorio così come in Consiglio regionale ed in Parlamento.

Alle Ferrovie dello Stato ed alla Regione Piemonte chiediamo tempi certi ed un servizio realmente utile alle esigenze di pendolari e turisti frutto di un progetto basato sui flussi di traffico. Non vorremmo trovarci tra pochi anni con treni vuoti a causa di una programmazione sbagliata. Un film già visto sotto le amministrazioni Cota e Chiamparino, pensiamo ad esempio alla chiusura di 12 linee nel 2012 con la scusa di problemi infrastrutturali o poca utenza.

In cinque anni abbiamo assistito solo a tagli al trasporto pubblico da parte del Governo e la Regione Piemonte si è adeguata senza battere ciglio. Segno evidente che nel Partito Democratico regna il solito atteggiamento ambiguo: sotto campagna elettorale pronti a promettere finanziamenti ma nella stanza dei bottoni, fino ad oggi, si sono avallate scelte contrarie al trasporto pubblico.

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Trasporti

Mauro Campo, Consigliere regionale M5S Piemonte

Paolo Mighetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Paolo Romano, Deputato M5S

L’articolo ASTI – ALBA, RIATTIVARE SUBITO LA FERROVIA, TEMPI CERTI E UN PROGETTO PRECISO. NO A PROMESSE DA CAMPAGNA ELETTORALE proviene da MoVimento 5 Stelle Piemonte.

CORSO GROSSETO, CANTIERE NEMMENO INIZIATO E GIA’ IN RITARDO. CHIAMPARINO RESPONSABILE DEL PROGETTO VADA NEI QUARTIERI A SPIEGARE

Nemmeno iniziato e già in ritardo di 6 mesi. Come ampiamente prevedibile il cantiere di Corso Grosseto sarà un calvario per cittadini e finanze pubbliche. La stessa SCR, società della Regione, ha previsto lo slittamento dell’inizio dei lavori a causa dell’amianto sul cavalcavia.

I Comitati di quartiere e gli amministratori della circoscrizione farebbero bene a contattare Chiamparino ed invitarlo alle riunioni sul territorio. Lo stesso Chiamparino dovrebbe andare in Corso Grosseto a spiegare a commercianti e cittadini per quale motivo la sua amministrazione, responsabile del cantiere, ha voluto questo progetto che fin da ora si preannuncia fallimentare.

Già da ora si evidenziano tutte le carenze denunciate da tempo dal Movimento 5 Stelle, intanto una parte della città è paralizzata per un progetto poco utile voluto in primo luogo dalla Regione Piemonte.

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Trasporti

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte

L’articolo CORSO GROSSETO, CANTIERE NEMMENO INIZIATO E GIA’ IN RITARDO. CHIAMPARINO RESPONSABILE DEL PROGETTO VADA NEI QUARTIERI A SPIEGARE proviene da MoVimento 5 Stelle Piemonte.